Senza titolo

“Non passava giorno che lo scoiattolo se ne andasse in giro. Al mattino si lasciava cadere sul muschio giù dal faggio, oppure, a volte, dalla punta di un ramo finiva nello stagno proprio sul dorso di una libellula, che poi senza fiatare lo portava sull’altra riva. Prendeva sempre la prima strada che gli si parava davanti. Ma se poi gli capitava un viottolo laterale lo imboccava, e se gli riusciva di scordarsi dei progetti che aveva per la giornata, se li scordava. Così un giorno stava andando dall’elefante, che traslocava e aveva bisogno di aiuto, quand’ecco che vide un sentiero sabbioso tutto pieno di curve. Lo prese. C’era un cartello che diceva: STRADA VERSO IL LIMITE. E’ lì che voglio andare!, pensò lo scoiattolo. Ma con grande dispiacere incontrò subito un’altra deviazione…”

 
Laura rileggeva l’inizio della fiaba, che aveva scritto tanti anni fa, quando aveva appena sedici anni, almeno così risultava dalla data in fondo ai fogli.
Era una mattina fredda, ma soleggiata di Marzo, quando salì nel sottotetto alla ricerca del vestito rosso dismesso alcuni anni prima. Non sapeva nemmeno lei perché aveva intrapreso quella ricerca tanto stramba quanto insolita.
Aveva trovato una fotografia di gruppo dove indossava quel vestito e disse: “Accidenti! Stavo veramente bene con quel vestito rosso. Ero la più bella tra le mie amiche e poi c’era anche Marco! Chissà dove l’ho cacciato!”
Era una fotografia dei tempi dell’università, quando formavano un bel gruppo affiatato: erano sempre insieme, spensierati ed allegri.
La vista di Marco, del vestito rosso riaccese dentro di lei un fuoco mai spento, che covava da mesi sotto le ceneri, così che decise di intraprenderne la ricerca.
Rovistando nei cassetti di un vecchio cassettone dismesso molti anni, aveva trovato dei fogli un po’ ingialliti, stropicciati e scritti a mano, di cui aveva perso la memoria. Si fermò a leggerli, mentre ritornava l’adolescente che sperava di diventare un giorno una famosa scrittrice.
Aveva sognato di scrivere romanzi, racconti e fiabe di successo, emula di J.K. Rowling oppure famosa come  Virginia Woolf. Insomma c’era in lei l’illusione di ottenere denaro e fama scrivendo, ma ben presto abbandonò ogni velleità letteraria, perché aveva capito che non era la strada giusta o forse non ne aveva le capacità. Chiuse tutti gli scritti in una cartellina gialla a copertina rigida chiusa con una clip mandandoli in soffitta come i sogni di adolescente.
Dopo il ritrovamento di quei fogli la sua mente cominciò a divagare ed a ripercorrere gli ultimi sette mesi. Pensò con amarezza a Marco, al suo “ADDIO” tanto angosciante quanto misterioso ed incomprensibile, al lavoro che le stava dando molte soddisfazioni, alla corte assidua ma discreta di Paolo, all’amica Sofia, che aveva trovato l’amore in maniera casuale, alla vita di tutti i giorni vuota senza amore.
Marco era stato il suo ragazzo durante gli anni di università, ma poi lui un brutto giorno le disse senza lasciarle scampo: “Laura, tu sei una cara ragazza con cui sono stato bene in tutti questi anni, ma il tempo ha spento il fuoco dentro di me e non voglio ingannarti. Ormai siamo adulti, ci siamo laureati con ottime votazioni, stiamo cercando lavoro per dare un senso al nostro futuro, ma le nostre strade si devono per forza separare. Sono certo che troverai il ragazzo che cerchi e con cui potrai condividere gioie e dolori della tua vita. Quello non potrò essere io! Mi sembra giunto il momento di dirci addio ed augurarci tutto il bene del mondo”.
A Laura sembrò che il mondo le fosse caduto addosso, rimase in silenzio e non riusciva nemmeno a piangere.
Stava per aprire bocca per dire qualcosa, quando Marco le pose un dito sulla bocca: “Non dire nulla. Non serve. Diciamoci solo ADDIO e poi ognuno vada per la sua strada”.
Detto questo si voltò allontanandosi senza aggiungere niente di altro, mentre lei era rimasta lì muta e pietrificata.
Quanto tempo rimase su quella panchina all’ombra del grande cedro del Libano, che aveva visto ed ascoltato tante storie come questa?
Laura non ricordava, ma le sembrava che fosse passato un secolo tanto aveva indugiato lì incapace di dare un senso compiuto ai pensieri e alle azioni.
Tornata a casa, aprì l’armadio e tolse il vestito rosso, che conservava come ricordo del primo bacio con Marco, quando quattro anni prima aveva dichiarato con solennità ed dolcezza: “Laura, ti amo!”
Lo impacchettò, ripiegandolo con cura, e lo mise in una custodia trasparente. Salì nel sottotetto e lo nascose accuratamente, perché le ricordava troppo l’amore per lui.
Del vestito rosso se ne dimenticò in fretta, ma Marco era sempre lì presente di giorno e di notte nei suoi pensieri, nei suoi sogni, che assomigliavano più ad incubi che a visioni oniriche.
Non riusciva a darsi pace, né a capacitarsi del perché Marco le avesse detto ‘addio’. Tutto sembrava filare liscio, senza intoppi, né litigi o motivi di attrito. A lei sembrò che fosse scoppiato in temporale senza che nessuno avviso fosse piovuto dal cielo, tutto all’improvviso, gettandola nello sconforto.
Per diversi giorni non volle vedere nessuno, nemmeno Sofia, la più cara amica, la confidente a cui affidava tutti i segreti più riposti, si negava al telefono e non rispondeva né agli SMS né ai messaggi di posta. Insomma sembrava sparita dalla terra, inghiottita da un buco nero con grande disperazione dei genitori, che cercavano di consolarla e sostenerla psicologicamente.
Poi lentamente uscì dal limbo in cui era precipitata, una caduta senza paracadute e senza fine, riprendendo a vivere e mangiare. Rispose finalmente al telefono: era Sofia preoccupata per il lungo silenzio, anche se sapeva il perché.
“Laura! Finalmente! Sei uscita dal letargo?” disse tutto d’un fiato e, senza darle modo di rispondere, riprese: “Stasera sei a casa mia! Niente se, niente ma! Ho preparato una cenetta solo per noi due e poi rimani a dormire da me! Hai capito? Ci sei ancora?”
“Sofia, “ riuscì a dire prima di scoppiare in un pianto a dirotto.
“Laura! Non piangere! Non riesco a sentire quello che mi vuoi dire! Inoltre non sopporto le donne che piangono per niente! Allora alle sei sono a casa tua e fatti trovare pronta! Sai che non tollero aspettare! Ciao e a dopo”.
La comunicazione si interruppe bruscamente mentre Laura con il telefono in mano e grossi lacrimoni che le rigavano il viso era ancora inebetita e sconvolta.
Si riscosse, guardò l’ora e trasalì. Erano già le cinque passate e se voleva essere puntuale aveva pochissimo tempo a disposizione. Doveva sbrigarsi perché sapeva che Sofia avrebbe fatto una sfuriata delle sue, se non era già sull’uscio alle sei in punto.
Depose la cornetta e si precipitò nella sua camera per cercare qualcosa di carino da indossare per la serata e per preparare una borsa con gli indumenti per la notte e quanto poteva servirle a casa di Sofia.
Quella telefonata l’aveva fatta rinascere e non voleva sprecare l’occasione per dimenticare tutti i dolori accumulati nell’anima in quei giorni.
Quel pianto era stato proprio liberatorio.

(Capitolo iniziale del racconto "Non passava giorno .." )-

0

5 thoughts on “Senza titolo

  1. Come sempre i tuoi racconti sono basati su una dolcezza e soavità sia dei particolari, dei personaggi e dell’intera trama. Mi prenoto per la continuazione della storia e per un tuffo nella descrizione tenera dei personaggi. A presto (spero)

    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

11 agosto 2010 – passata la mezzanotte

“Ciao!”. Una voce femminile calda arriva alle orecchie di Laura. “Ciao! Sono Laura e tu chi sei?”. “Sara. Abbiamo trovato…

Collina vicino alla città, 10 agosto 2010, mezzanotte

Laura e Luca sdraiati sul prato osservano il cielo nero come la pece perché la luna c’è ma non si…

Spiaggia, 10 agosto 2010, pomeriggio inoltrato – Terza conversazione

Sara legge un nuovo gruppo di sms e ha un groppo alla gola, perché avverte l’immensa tristezza e solitudine di…

Città, 10 agosto 2010, sera

Laura riflette su se stessa e sulla solitudine che prova da quando quel fatidico 2 maggio ha litigato con Alex,…