Una storia così anonima – parte quinta

dal web
dal web

Bologna, 21 febbraio 2015, ore quattro

Luca sbadiglia e si alza dalla sedia. Adesso capisce qualcosa di più della storia che ha fotocopiato da quell’antico libro.

“Pensi che ci sarà scritto dove Pietro da Bologna ha nascosto il tesoro dei templari di Bologna?” domanda curioso a Vanessa.

La ragazza non risponde subito. Ha gli occhi luccicanti per l’eccitazione. Sta riflettendo. Vorrebbe proseguire nella lettura e nel comprendere cosa è successo dopo. Ritiene inopportuna l’interruzione di Luca ma si arrende.

“Non credo. Dubito che l’anonimo cronista abbia detto dove sono finiti monete e oggetti. Da quello che mi hai detto nel libro ci sono tante storie ma questa sicuramente era la più ghiotta. Avrebbe fatto gola a molti cercatori di tesori” dice con calma Vanessa.

“Che sbadato! Dimenticavo che in effetti il secondo documento in qualche modo racconta come un frate domenicano lo abbia cercato inutilmente” esclama Luca sorridente.

Vanessa vorrebbe riprendere la lettura ma l’amico si muove e si stiracchia.

“Caffè?” gli domanda.

“Sì, caffè” risponde pronto.

Insieme si spostano in cucina. Lui si siede, mentre lei lavora con la moka.

“Mi spiace che ti ho rotto le uova nel paniere” dice Luca.

Lei ride, gettando all’indietro quei capelli ricci e rossi, che incorniciano un viso ricco di lentiggini.

“Ma ci credi proprio?” gli chiede Vanessa, guardandolo fisso negli occhi.

“Beh! Insomma… penso che, se eri a letto con lui, non era per caso” risponde Luca centellinando le parole. Visto che è in buona, non osa toccare tasti che la facciano infuriare.

“Non ti facevo così prudente!” esclama la ragazza, mentre avvita la moka prima di metterla sul fuoco.

Luca fa un sorriso striminzito. La prudenza non è mai troppa. Conta fino a dieci prima di rispondere.

“Vedi” comincia con calma il discorso. “Vedi. Avresti avuto tutti i motivi per essere infuriata con me. Ti chiamo all’una di notte. Interrompo un amplesso intrigante…”

Vanessa ride. ‘Quant’è ingenuo, Luca! Proprio per questo vado d’accordo con lui‘ pensa.

“Ma chi ti dice che ero nel pieno di un amplesso mozzafiato?” gli chiede ridente.

Luca diventa serio, aggrotta le sopracciglia e poi spara la sua cavolata.

“Sentivo in sottofondo ‘Je t’aime… moi non plus‘, quella canzone con tanto di sospiri di Jane Birkin e Serge Gainsbourg. Non ricordi?”

“Direi di no! Non so chi siano questi due cantanti, né quali sospiri abbiano prodotti. Ma non sparare cazzate!” replica Vanessa, diventata seria tutto d’un colpo.

“E va bene! Sono serio. Però la colonna sonora l’ho ascoltata! Un splash, che assomigliava tanto a uno schiaffo”.

“Quello? Tutto qui? Se l’è beccato Franz, così un’altra volta non fa lo stronzo” dice Vanessa allegra.

Luca pensa che Vanessa si comporta come l’ape regina col fuco. Dopo averlo usato, lo uccide.

Sta per rispondere, quando sente il classico borbottio della moka e il profumo del caffè che inonda la cucina. Osserva la sveglia. Segna le quattro del mattino. ‘Un bella notte insonne. Ancora un piccolo sforzo e mi gusto il sorgere del sole’ si dice sorridendo.

“Dai beviamoci questo caffè e poi torniamo al manoscritto” dice Vanessa, che ha dimenticato le ultime parole che si sono detti.

“Ma tu che idea ti sei fatta della storia?” le domanda Luca, mentre sorseggia il caffè.

“Uhm!” borbotta la ragazza, che si è scottata la lingua. “Non sapevo che il palazzo di Strada Maggiore fosse l’antica commenda bolognese dei templari”.

“Potrebbe essere una buona idea andarlo a visitare” afferma Luca, dimenticando che già gli aveva accennato che in pratica era impossibile arrivarci per via dei lavori per il Crealis.

“Credo che sarà difficile per diversi giorni. La via è sottosopra per la preparazione al nuovo trasporto urbano”.

“Peccato! Perché sarebbe stato interessante vederlo”.

“Dubito che possa darci degli spunti interessanti. Ma se lo desideri tra qualche ora possiamo andare lì. Un’occhiata non fa mai male!” conclude la ragazza.

Luca si gratta la barba ispida che copre le guance. Non ha sonno ed è eccitato per la storia che stanno leggendo.

“Ma cosa ne pensi?” le chiede nuovamente, visto che non ha risposto.

“Mi piacerebbe andare alla caccia di quel tesoro, se in effetti sia esistito” risponde Vanessa.

“Pensavo anch’io di dare la caccia ma non osavo chiedertelo” fa Luca, riponendo la tazza nel lavello.

“Per me esiste e nessuno finora l’ha trovato” insiste la ragazza, che si alza per tornare nella sala.

Il ragazzo la guarda. Un vecchio flashback illumina la sua mente. É una trasmissione televisiva, di cui non ricorda il nome ma l’argomento trattato ‘il mistero del tesoro dei Templari‘. Città lontane con nomi esotici, viaggi oltreoceano. Un guazzabuglio di immagini e di parole che non lo conducono da nessuna parte. Si domanda se era solo fiction oppure se questo mistero era tale.

“Allora affare fatto. Tra poche ore ci lanciamo nella nuova avventura” dice Luca, tendendo la mano.

“Calma, ragazzo! Qui le danze le conduco io. Tu puoi funzionare da guardaspalle ma da leader no!” esclama compunta Vanessa, lasciando quella mano sospesa nel vuoto.

“Ma l’idea…” comincia il ragazzo, che aggrotta la fronte per il disappunto.

“Certo senza la tua imbeccata non ci avrei mai pensato. Ma non hai mai dato prova di avere senno. Ti butti nell’avventura senza riflettere” lo rimbecca seccamente la ragazza.

Luca mette il broncio. É quasi pentito di aver imbarcato Vanessa in quest’avventura pazzesca ma ormai è troppo tardi per modificare la situazione. Accenna ad altri argomenti per sviare l’attenzione.

“Ma quel Henry de … vattelapesca” comincia il ragazzo.

“Henry de Caron” precisa la ragazza.

“Sì, proprio lui. Dicevo. Di quel Henry che idea ti sei fatta? Mente per fregare il tesoro dei templari bolognesi oppure è in buona fede?” domanda Luca, che vuole a tutti i costi riguadagnare terreno su Vanessa.

“Secondo me, Pietro da Bologna ha intuito bene. Quel personaggio è viscido come una biscia e spera di mettere le mani sul tesoro. Ma come fa a sapere che nella magione ci sono bolognini e oggetti di valore? Questo dettaglio mi fa comprendere che manca qualche tassello per capire il ruolo effettivo di Henry de Caron nella vicenda” dice la ragazza, mentre si siede.

“Mentre formulavo la domanda, mi è venuto lo stesso dubbio di Pietro. Henry de …” Luca si interrompe perché ha già nuovamente dimenticato il nome.

“…Caron” precisa la ragazza ridendo. ‘Luca per i nomi, specialmente quelli stranieri, è una frana‘ riflette ridacchiando.

“…Henry de Caron è un furbacchione che spera di intascare un bel po’ di bolognini! Ma sono convinto che la chiave sarà nelle prossime pagine” dice Luca, sedendosi a sua volta.

“Cosa secondo te?” gli chiede Vanessa.

Il ragazzo aggrotta la fronte, si concentra prima di parlare. Riflette.

“Per me è un emissario di Filippo il Bello. Il grosso del tesoro della Torre del Tempio di Parigi si è volatilizzato e vuole scoprire dove è finito. Ma probabilmente sto lavorando di fantasia” fa Luca, scuotendo il capo.

“Interessante. Mi appare logica e razionale. Nessuno si sobbarca un viaggio di qualche migliaio di chilometri per finire nella magione di Bologna e tornarsene a casa con le pive nel sacco” dice Vanessa, che aspetta impaziente di riprendere la comprensione del resto del testo.

“Sì ma come pensa di portare con sé oggetti preziosi e bolognini d’oro e d’argento per tutti quei chilometri? Secondo me. Ha dei complici che lo stanno aspettando” aggiunge il ragazzo.

“Allora bando alle ciance e riprendiamo la lettura. La ricreazione è finita!” esclama sorridente la ragazza.

E i due ragazzi continuano a leggere quel testo antico.

parte sesta

0

0 thoughts on “Una storia così anonima – parte quinta

  1. … e dalla loro lettura si dipanerà la storia.
    Ho molta fiducia sulla preparazione di Vanessa, sarà in grado di dare ampia lettura a quello che adesso sembra piuttosto ermetico su quel testo antico.
    Molto ben fatto, aspetto la sesta parte 🙂
    Un caro saluto
    Affy

    0
  2. Vanessa e Luca…riusciranno a smascherare Henry de Caron?
    O sarà la stessa ingordigia di Henry a fare tutto?
    Di certo è che Vanessa non mollerà…secondo me
    Grazie, carissimo
    Un abbraccione di buon giorno
    Mistral

    0
          1. Grazie mille, Gian Paolo ! 🙂
            Felice serata ! 🙂
            Un caro saluto ! 🙂
            Aliosa.
            PS !
            Sono contento che a trovare il mio blog interessante! 🙂
            Grazie sincero! 🙂
            Dal confronto tra squadre di calcio nazionali e internazionali, si dovrebbe vincere Re Sport, CALCIO e spettatori che sono “sale e pepe” qualsiasi gioco! 🙂
            Purtroppo, in Romania e in molti altri paesi, il denaro che viene prima è ottenuto dal calcio stesso e li dimostra! 🙁
            Durante la riproduzione di piacere CALCIO Steaua Bucarest ha vinto 7 MAI 1986 Coppa dei Campioni! 🙂
            Ora si gioca solo CALCIO INTERESSE 🙁
            cidatenii accade ogni sorta di piano di lavoro, partite di rigging nei combattimenti reali tra tifosi e polizia in entrambi gli stadi e fuori di esse! 🙁
            Grazie per la visita, come e commentare! 🙂
            Buona serata! 🙂
            Con Amicizia,
            Aliosa.

            0
              1. Buon giorno, Gian Paolo !
                Cioè, oggi, il calcio è diventato un grande business, una preoccupazione importante ma anche redditizio per molte persone, più o meno consapevoli dei misteri della competizione sportiva chiamato CALCIO! 🙂
                Tra cui l’ex primo ministro d’Italia, Silvio Berlusconi
                si è trasformata in un business redditizio CALCIO AC MILAN e è la prova ………….
                Qui in Romania, molti di coloro che fanno il calcio un business personale, è venuto dopo l’esecuzione di sbarre di una prigione a lungo:
                https://aliosapopovici.wordpress.com/2014/03/04/
                e gli altri, sono in fase di indagini penali …….
                L’avidità per i datori di lavoro di profitto grande e immediatamente attuare le tifoserie rivali,
                spesso crea una grande atmosfera sugli spalti, lancio di oggetti contundenti e torce accese sul prato alla fine genera vere battaglie di gladiatori tra forze di sicurezza e sostenitori di squadre rivali ! 🙁
                Uomo civile va allo stadio per lo spettacolo per non risvegliare in testa con una sedia lanciata dagli spalti dei tifosi battono squadre rivali tra di loro o con la polizia! 🙁
                Purtroppo, ieri sera in UEFA Europa League,
                AC NAPOLI fatto pari (1-1) in casa contro i russi da Dniepr
                e AC FIORENTINA via, ha battuto 0-3 a FC SEVILLA! 🙁
                Grazie alla prosecuzione virtuale del dialogo! 🙂
                Un fine settimana piacevole! 🙂
                Con sincera amicizia,
                Aliosa.

                0
  3. Sempre più ammirato dalla nitidezza con cui disegni i caratteri: sia Vanessa, intraprendente e ostinata, sia Luca, personalità più sfumata ma ricca di sfaccettature. La pausa nella storia di ambiente medievale accresce tantissimo la curiosità per quello che avverrà di Pietro e dei suoi confratelli. Giocata benissimo!

    0
    1. Come avevo già detto in precedenza la storia si sarebbe sviluppata su due piani: quello degli anni 1307-1312 e quello ai giorni nostri. Il punto difficile è quello di saldare logicamente le due trame.
      Grazie per le tue parole. In particolare sul carattere dei due ragazzi, che hai reso con chiarezza, quello che volevo.

      0
  4. Gian Paolo, mi fa sorridere questa resa di Luca a Vanessa e come l’hai tratteggiata.
    Me la figuro, sai?
    Chissà, davvero tu puoi aver conosciuto e,magari, frequentato una tipa così.
    Amo i racconti dialogati e in questa parte ci son due punti che appartengono alla mia vita.
    ‘Je t’aime… moi non plus‘, e la strada bolognese dove son stata non molti anni fa ( tiene studio là il mio ortopedico).
    Mi stupisce, però, che tu ( ritengo che tu abbia sui 40 anni) conosca ‘Je t’aime… moi non plus‘ che appartiene alla mia generazione ( annata 1969, io son del 1955).
    Se posso stasera mi immergo nella puntata successiva.

    0
    1. Grazie per i quaranta 😀 superati da un bel po’. La canzone? la conosco bene. All’epoca ne avevo dodici più di te!
      Mi piace alternare dialoghi a riflessioni. La resa di Luca? Per andare d’accordo, ogni tanto ci ci seve arrendere all’altro.

      0
      1. Beh, allora ora capisco la maturità della tua scrittura, Gian Paolo.
        E la scelta dei dialoghi la trovo felice: regala scorrevolezza all’azione e favorisce la lettura.
        Poi mi aiuti a rinvenire le altre puntate, ok?
        Se hai 12 anni più di me, avrai in comune con mio marito ( classe ’48, però del 1900 eh! ) diverse canzoni.
        A Paestum vengon “I Nomadi”; un conoscente ci aveva offerto i pass per entrare ma non se ne parla.
        Innanzitutto non approvo questi cavalli, sebbene di razza e di passato glorioso, che continuano a correre.
        Io mi voglio godere i 61 anni in barba pure agli acciacchi.
        Fare la “giovanilista” lo trovo deprimente!
        Mio marito, ex tastierista di un gruppo che a Salerno andava per la maggiore, ama dire “si deve scendere da cavallo prima che l’animale ci disarcioni”..
        Tu che ne pensi?

        0
        1. del tutto d’accordo con tuo marito. Ogni cosa al tempo giusto. Essere giovani di spirito è un conto, copiare quello che fanno i giovani è un altro paio di maniche.
          I nomadi, come altre band di quel periodo, vanno ascoltati attraverso vinili o CD. Dal vivo fanno tenerezza.
          Vuoi il link della parte sesta?

          0
          1. Sì, tenerezza…ma se si accontentano di questo…mah!
            Mio marito mi sta appena ricordando che ascoltammo in Costiera una ventina di anni fa i Dik Dik ( la nostra canzone è “Senza luce” , lanciata come sai bene dai Procol Harum come “A whiter shade of pale”)
            Sai, mio marito ha comprato un giradischi per gli LPvvecchi…
            ..operazione nostalgia, ma quanto è bello ascoltare melodie che ci riportano ai tempi verdi, comodamente seduti sul sofà e sorseggiando una tisana o una bibita fresca ( dipende dalla stagione).
            Passami il link 🙂

            0
            1. Anch’io ho un vecchio piatto. Uno stereo Pioneer, vecchio di oltre trent’anni. Vinili, cassette , a cui ho collegato -era già predisposto – un riproduttore di CD. Operazione nostalgia? No. mi piace sentire un sottofondo musicale. Ricordo bene sia i Dik Dik con Senza fine e anche i Procpl Harum . Comunque non sono mai stato un appassionato di musica leggera. Preferisco quella classica.
              Stasera o domani completo i collegamenti a tutte le puntate.

              0
            1. pure io le guardo col telescopio ma c’è troppa luce. Devo concentrarmi solo su un spicchio, quello a nord. Tra un po’ inizierò, tempo permettendo, a guardare le stelle cadenti.

              0
        2. Nel menù in cima al blog, dove compare About, info, supporto per la privacy, c’è una nuova voce ROMANZI, se clicchi sopra si apre una pagina dove trovi i link diretti delle prime dieci parte – le altre le metto domani sera –

          0

Rispondi a ombreflessuose Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Bozza di copertina del nuovo testo

L'amica Elena mi ha messo in contatto con un'amica che dipinge che gli ha preparato un bozzetto per il suo…

Una storia così anonima – parte sessantesima

Certosa - Foto personale Lizzano, 7 febbraio 1310, ora sesta anno quinto di Clemente V Elisa e Alberto accolgono con…

Una storia così anonima – parte cinquantanovesima

Cauneo, 10 marzo 2015 – ore 18 Affrontano la lunga salita del Col de Larche tra due imponenti ali di…

Una storia così anonima – parte cinquantottesima

foto personale Fiume Reno, 31 gennaio 1310 – ora sesta anno quinto di Clemente V Pietro sta camminando da diverse…