Vulandra

Vulandra

Corre leggero
sul prato
imperlato da gocce
di rugiada,
piccole come perle.
E il refolo di vento
lo fa innalzare
verso il cielo
orlato di nuvole,
verso l’infinito
dove si perde
lo sguardo del fanciullo.
Sono affascinato
da quei rombi
multicolori,
che adornano
il cielo e
volano leggeri
trattenuti dal filo invisibile.
Disegnano un volto
e riconosco te.

0

7 thoughts on “Vulandra

  1. Il clandestino che hai a bordo e segue ogni tuo viaggio, che non vedi, ma avverti, sottocoperta, si aggira come una spia per la nave, sale e scende dai boccaporti, fruga in cambusa, s’intrufola in tutte le cabime, lascia impronte ovunque. Viaggiate insieme , per mari scarlatti, per isole verdi.
    Mi sono abituata alla tua occulta presenza. Narratore o poeta. Non posso fare nulla. Tu guidi la nave dove vuoi. Ma chi è la Lei?:-)))

    0
  2. Queste tue parole sono profondamente dolci. Le leggi e riesci a scorgere le immagini. Il prato, il vento leggero, le nuvole e i colori. Se ti sforzi anche gli odori. Ma ciò che più mi piace è la chiusa, quel volto appena accennato ma che è tutto.

    Un abbraccio
    aurora

    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Sgorbi giovanili

Tanti anni fa, quando giovane virgulto pensavo, ahimè, di emulare i grandi poeti ho scritto delle poesie. Niente di speciale,…

Oltremare – racconto

Sempre dal libro mai pubblicato estraggo questo mini racconto. Le linee parallele si incrociano “Fu di sera, già di buio;…

Oltremare – Ultramarine’s – presentazione

Sempre dai fondi di magazzino ho estratto questo testo che era mia intenzione pubblicarlo ma poi ho deciso di non…

Rima baciata

Disegno di Veronica Scrivere creativo propone una stuzzicante sfida. Un esercizio di scrittura creativa Scrivi un testo di 41 parole.…