A Doriana – poesia n.ro 5

Un pallido sole s’affaccia al nostro sguardo
e illumina debolmente la terra addormentata.
Il sole si rinfranca nella nebbia mattutina.
Il sole ci riscalda con tenui raggi.
Il sole disperde la tristezza.
Caro sole,
giungi da noi
col caldo dei tuoi raggi.
Riscaldaci, finché rimaniamo
su questa terra
e anche dopo,
quando non ci saremo più.
 

0

48 thoughts on “A Doriana – poesia n.ro 5

                    1. Non gareggio con Marghera. E’ partita persa in partenza. La conosco da molto (per lavoro ci venivo spesso) e ricordo la polverina rossa sulla macchina.

                      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Sgorbi giovanili

Tanti anni fa, quando giovane virgulto pensavo, ahimè, di emulare i grandi poeti ho scritto delle poesie. Niente di speciale,…

Oltremare – racconto

Sempre dal libro mai pubblicato estraggo questo mini racconto. Le linee parallele si incrociano “Fu di sera, già di buio;…

Oltremare – Ultramarine’s – presentazione

Sempre dai fondi di magazzino ho estratto questo testo che era mia intenzione pubblicarlo ma poi ho deciso di non…

Rima baciata

Disegno di Veronica Scrivere creativo propone una stuzzicante sfida. Un esercizio di scrittura creativa Scrivi un testo di 41 parole.…