Un viaggio, un incubo -settima puntata

Per chi aspettava la nuvoa puntata, eccolo servito. Qui potete trovare le altre puntate pubblicatre in precedenza.

Foto di Luis Dalvan da Pexels

Buona lettura.

Mark arrabbiato e accaldato raggiunge il proprio appartamento nel Bronx, masticando amaro l’insuccesso patito.

Non era mai capitato prima e per di più è stato giocato astutamente.

“Si, quella femmina non avrebbe aperto con facilità le gambe e la scopata sarebbe stata sudata” riflette mentre stappa una birra.

«Pur in un ambiente difficile si è mossa con attenzione senza commettere errori» chiosa mentre ansa per scaricare il suo membro. «Non si è persa d’animo, ritrovando con facilità la via d’uscita. Si è diretta verso l’unico punto che poteva garantirle la salvezza: la fermata dell’autobus. E io ho perso tempo a cercarla tra le carcasse d’auto! Però me la voglio fottere! Costi quel che costi! E sarà una prigioniera senza possibilità di evadere».

È disteso sul letto, mentre dà sfogo alle sue fantasie erotiche. Il pensiero di Simona è in cima alle sue preferenze, perché è veramente una bella donna, dopo averla vista di persona.

«Ha quarant’anni, ma non li dimostra! Ha una pelle morbida ed elastica come una ventenne!» continua il suo monologo dopo essersi sfogato. «Niente grasso. Ha forme rotonde e toniche. La pancia è appena pronunciata, ma sembra soda e invitante. E poi ha due tette della giusta misura e che si reggono benissimo senza reggiseno! Altro che quelle siliconate che sembrano mele avvizzite e dalla buccia plastificata! Quando mi attacco ai loro capezzoli, mi sembra di avere in bocca due pezzi di plastica! Che schifo! Non trovo più nessuna donna che non abbia le tette rifatte! Si, se me la fotto, sarà uno schianto!»

Liberatosi del peso del sesso, si alza e va in bagno a ripulirsi. Non è soddisfatto di come è andata la giornata. Aveva altri obiettivi. Adesso deve rifare i piani che aveva in mente e non sa da dove cominciare. Quello che ha pensato di fare con Simona è andato in fumo, perché è stato troppo precipitoso.

Quando l’ha vista al Central Park non è riuscito a contenersi anticipando le mosse, perché ha pensato a una facile passeggiata. Doveva procedere con maggior cautela e guadagnarsi la fiducia di Simona. La voglia di sesso è stata troppo forte senza che sia riuscito a trattenersi.

«Di persona è ancora più affascinante. La devo riprendere».

Accende il condizionatore e si prepara una canna. Deve ragionare come raggiungerla.

«È stata furba. Niente numero di telefono, nessun indirizzo» esclama contrariato. «Sarà come cercare un ago nel pagliaio. Vediamo se per caso è sul web».

Si spoglia mettendosi in canottiera e boxer prima di sedersi davanti al computer sempre acceso pronto a ordire la sua tela di ragno. Ne ha catturate molte, ma niente d’interessante: un paio di scopate senza sugo e un addio senza rimpianti.

Mark ha circa quarant’anni, è un broker assicurativo di discreto valore. Ha due matrimoni falliti alle spalle e una ragazzina di tredici anni per figlia, che per fortuna vive con la madre, una mezza baldracca, che se la faceva col suo migliore amico.

A volte gli viene il dubbio che Alessia, la figlia, sia nata dalle scopate di Ricky, perché non gli assomiglia per nulla. Sono anni che non la vede o la sente, ma non prova nessuna nostalgia, perché proprio non gliene importa nulla.

«Che si vadano a fottere Alessia e Susan! Le donne sono capaci solo di aprire le gambe» dice alzando il tono della voce, mentre dà una lunga tirata alla canna.

L’universo femminile è la sua ossessione senza distinzione tra etero, bisex od omo, purché siano belle e che la diano. A volte gli pare di discendere da Geronimo, perché dopo il fallimento con Susan pensa solo ad arricchire la collezione di scalpi di donne per soddisfare la propria libido.

Guarda la posta, che come al solito è piena di schifezze. Un po’ di spam, qualche mail di donne in cerca di un manico.

“Ma che vadano a farsi fottere! Al solo vedervi lui si ammoscia” si dice buttando tutto nel cestino.

Si collega a Twitter per scoprire se @Simo69 sta cinguettando o lo ha fatto.

«Nessun trillo da quando è arrivata a NY!» impreca sottovoce. «Nessun passaggio in rete! Muta e invisibile! Porca cagna! Eppure… vuoi che sia alloggiata in una topaia senza internet? No, lei evita, non vuole essere intercettata! È furba quella troietta, ma quando era a casa, aveva sempre la webcam puntata tra le gambe! E raccontava delle scopate con gli amici! E io solo a sbavare e masturbarmi! Si divertiva a eccitarmi, perché si sentiva al sicuro. Se solo si collegasse, scoprirei in un baleno da dove sta navigando e zac! piomberei subito a prenderla in consegna. Non sono mai riuscito ad adescare una donna europea per scoparmela. Solo siliconate americane o canadesi, che non ti danno nessuna emozione. Tutte sfondate dall’uso del dildo. Con loro pare di navigare nel deserto al buio. Puah! Che schifo!»

Deluso si alza per prepararsi un caffè e una nuova canna.

«Fumo troppo! Dovrò limitarmi o finirò male!» strepita mentre arrotola la bustina. «Però sono troppo nervoso. Quella cagna mi ha stregato».

Guarda l’ora: sono le sei p.m. E da due ore si trova rinchiuso in quel buco che chiama appartamento. Due stanze più i servizi per quasi 600 dollari al mese. Una donna a ore gli tiene ordinate le due camere.

Si guarda intorno e scrolla la testa. “Fa schifo! Devo cambiare Shelly, perché a malapena si nota che ha pulito. Va bene che la pago in natura, quella baldracca, ma non posso portarci nessuna donna qui. Scapperebbero subito per lo sporco che si annida in ogni angolo. Devo farci un bel discorso e allungarle qualche dollaro extra, ma deve cambiare registro”.

Però a Shelly non rinuncia, perché gli garantisce sesso settimanale per tutto l’anno. È una donna di colore di origini cubane di circa trentacinque anni, dalle forme rotonde come piacciono a lui e senza parti rifatte, sempre disponibile anche quando ha il ciclo. Non è bellissima, ma ci sa fare e lo soddisfa in tutto. Non c’è orifizio che non venga passato in rassegna con cura meticolosa. Al termine del servizio di pulizia si trattiene per la notte per il pagamento. Non ha mai capito perché abbia rinunciato a qualche dollaro in cambio di sesso.

Torna alla postazione per vedere se ci sono novità.

E subito si accende la lampadina. Adesso sa come scovare Simona.

0

0 thoughts on “Un viaggio, un incubo -settima puntata

    1. sì, persona sgradevole. L’ho pensata così. No, pura fantasia. Come ho scritto in un altro commento, forse l’idea è nata da un fatto di cronaca del 2007 o 2008, più o meno al momento della prima stesura.

      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

La seconda parte di Krimhilde su Caffè Letterario

Su caffè letterario è stata pubblicata la seconda parte di Krimhile e le ragazze scomparse. Vede volete qui trovate la …

Nuova pubblicazione su Caffè Letterario

Su caffé Letterario c'è un nuovo post. Una prima parte. Buona lettura

Nuovo post su Caffè Letterario

Su Caffè Letterario è stato pubblicato un nuovo post. Buona lettura. La foto è stata tratta dal sito https://www.visitsunshinecoast.com/place/the-hinterland

Nuovo post su Caffè Letterario

Un nuovo post è stato pubblicato su Caffè Letterario. Buona lettura