Un viaggio, un incubo – ventisettesima puntata

Allegri ragazzi questa è la penultima sofferenza che vi infliggo. Sempre per i curiosi trovate qui le altre ventisei.

Simona vede esplodere la finestra. Chiude gli occhi d’istinto per proteggersi dalle schegge di vetro. Un frastuono impressionante proviene dall’ingresso. Chiude gli occhi e reprime le lacrime che vogliono sgorgare impetuose. Il cuore batte forte per l’agitazione. Forse quelle ombre intravviste dalla finestra sono i suoi angeli salvatori. Scaccia il pensiero per non illudersi: la realtà potrebbe farle male.

Percepisce che Mark si è staccato dal suo corpo, disturbato dai passi e dal rumore di vetri infranti. Dopo un istante di silenzio sente che sta imprecando nello slang newyorchese. L’unica parola che capisce è “fuck”, l’ha sentita ripetere troppe volte. Immagina che sia una parola volgare ma ne ignora il significato. È una breve illusione. Di nuovo le sue mani sono sul suo corpo mentre Mark riprende ad ansare.

Todd e Dick fanno irruzione nella stanza e trovano un uomo nudo che tiene in mano qualcosa di sospetto. Cosa stia facendo non è chiaro. È accanto a un corpo disteso sul letto. La stanza è immersa nella penombra e faticano a distinguere la figura.

Todd, incerto se pronunciare le frasi di rito quando arresta qualcuno, lo sente parlare sconnesso con minacce e blandizie, mentre si volta verso di loro.

Un lezzo insopportabile di sudore, misto a urina e altri odori non distinguibili colpisce le narici. Accendono la luce per illuminare il locale.

Lo spettacolo li lascia interdetti.

Una donna nuda è legata alle spalliere del letto e un bavaglio di fortuna le copre la bocca. La luce improvvisa l’acceca, stringe gli occhi per proteggerli dal lampo abbagliante.

«È miss Ferrari!» urla sovrastando le voci esterne e le imprecazioni di Mark.

Simona sente una voce amica e tira un sospiro di sollievo. È solo un fugace istante Poi ricorda il suo stato. Si sente umiliata essendo nuda senza la possibilità di coprirsi. “Cosa m’importa” si dice per dimenticare il suo stato. “Tanti uomini mi hanno vista nuda e due in più non fanno differenza”.

È sollevata, perché la sua avventura si sta concludendo. Vorrebbe abbracciarli, ringraziarli ma non può. Aspetta che sciolgano i lacci e le diano qualcosa da indossare.

Sente la voce di Dick cattiva che urla verso Mark. Poi altre voci che non conosce e un vociare confuso che viene dall’ingresso.

Con gli occhi chiusi aspetta che qualcuno si ricordi di lei liberandola.

Mark, vistosi in difficoltà, reagisce chiedendo l’aiuto degli altri coinquilini contro gli intrusi che hanno violato la sua privacy e rovinato i suoi piani.

Dick l’afferra saldamente senza troppi complimenti, mentre Todd va sulla porta mostrando il distintivo del NYPD al nugolo di curiosi che affollano il corridoio.

«State indietro e tornate nei vostri appartamenti. Questa è un’operazione di polizia» dice con voce forte, azionando la chiamata per John e Ricky.

Il vociare confuso si trasforma in un brusio appena distinguibile, mentre i più ritornano da dove sono venuti. Alcuni impiccioni continuano a stazionare sul limitare della porta nel tentativo di captare voci o immagini.

Todd presidia l’ingresso finché non arrivano i due poliziotti a dargli il cambio.

Mark sbraita e si agita sperando di sfuggire alla morsa ferrea di Dick, che lo tiene sdraiato a terra immobilizzandolo con un ginocchio sulla schiena. Dick è incattivito e si trattiene dal dargli una pesante lezione per non compromettere l’esito dell’intera operazione.

«Se non la smetti con le buone, lo farai con le cattive» esplode con voce dura, bloccando ogni movimento o tentativo di svincolarsi.

L’uomo continua a vociare chiedendo l’assistenza di un legale.

«Avete violato il mio appartamento, mi bloccate senza motivo. Vi farò passare un brutto quarto d’ora, non appena potrò contattare il mio avvocato». Sbraita irosamente.

Todd lo ammanetta, mettendogli il distintivo sotto il naso.

«Chi passerà un brutto quarto d’ora sarai tu, maledetto porco!» gli urla nelle orecchie, snocciolando i reati commessi. «Sequestro di persona, violenza privata e sessuale, resistenza è quanto basta per sbatterti in galera e buttare via la chiave!»

Gli uomini sembrano essersi dimenticati di Simona, che respira con affanno e non può parlare.

Dick gira lo sguardo e incrocia quello di Simona che implora di essere liberata e di coprirsi, prima che arrivino frotte di poliziotti e giornalisti a invadere l’appartamento. Capita la richiesta con delicatezza scioglie i lacci. Rimuove il rudimentale bavaglio. Simona respira a pieni polmoni con boccate avide di aria.

Si mette ritta, mentre Dick lancia vestiti e intimo. Vorrebbe pulirsi ma non è il momento. Infila le mutandine un po’ sfilacciate e indossa il reggiseno. Scende dal letto per mettersi polo e gonna jeans. A piedi nudi cerca le scarpe che trova sotto la sua tracolla.

Simona si massaggia polsi e caviglie piagate dai lacci che hanno lacerato la pelle. Le ferite sanguinano e sono dolorose.

Vorrebbe baciarli, abbracciarli, ringraziarli, ma si trattiene. Si sente sporca, lercia, ma la voglia di libertà annulla ogni pudore o sensazione sgradevole. Ci sarà tempo per farsi una bella doccia calda per ripulire i cattivi odori che si trascina addosso.

«Mi avete salvata da una brutta situazione» ringrazia con un filo di voce. «Non so se sarei uscita con le mie gambe da qui».

Dick la osserva e conviene che è una bella donna. Non sa quanti anni possa avere, ma la figura snella e ben modellata accende il suo interesse di uomo. “Senza dubbio ha un corpo che meriterebbe ben altre attenzioni. Nonostante la pessima avventura conserva un fascino che attira. Se fosse disponibile” riflette, distogliendo la mente dall’immagine di Simona nuda.

Per esorcizzare il risveglio del desiderio, si domanda sui motivi che hanno spinto la giovane italiana a compiere un viaggio così lungo e infilarsi in una storia dai contorni strani e pericolosi. È sicuro che mancano dettagli importanti nel racconto fatto a suo tempo.

“Un banale incontro a Central Park e nulla più? Eppure c’è un buco di dodici ore tra l’abboccamento mattutino e il tentativo serale di penetrare nella camera. Cosa è successo? Qualcosa è avvenuto tale da sconvolgere sia l’italiana sia Flannagan per originare tutto questo. Ma cosa? Anche se tutto sembra terminato nel migliore dei modi, glielo chiederò per togliermi questa curiosità”.

Osserva l’uomo ammanettato, rivestito sommariamente in attesa di essere portato alla centrale di polizia, e non prova nessuna pietà, ma una sorda rabbia per il suo comportamento.

“Merita una dura punizione! Quello che ha fatto o tentato di fare non è spiegabile a meno che non soffra di turbe psichiche. Non è più giovane e neppure piacente. Eppure è riuscito ad attirare una bella donna come miss Ferrari! Da quel poco che ho letto sembra avere una discreta posizione sociale. Ha agito in modo sconsiderato. Quando fosse riuscito a scoparla, come si sarebbe comportato? Una violenza sessuale non sarebbe passata sotto silenzio, quindi… Rabbrividisco al solo pensiero di cosa avrebbe fatto poi! Povera miss Ferrari”.

Si avvicina in silenzio a Simona e le sussurra: «Sarà una giornata dura per te oggi, ma è sempre meglio di quello che ti avrebbe riservato questo porco».

Simona sussulta, mentre osserva il poliziotto, il suo salvatore. Adesso si accorge che è un bel uomo, molto di più di Mark. Si interroga come possa pensare all’aspetto fisico di una persona di sesso maschile dopo avere passato una notte così drammatica. “Sono veramente irrecuperabile al solo pensiero di osservare un uomo non come persona, ma come possibile amante” e scuote la testa mentre si avvia verso l’ingresso.

È stato un pensiero fuggevole ma rappresenta la spia che qualcosa in lei non funziona. Come nel sogno la sua disavventura si è risolta nel migliore dei modi. Emette un sospiro di sollievo. È pronta a lasciare l’appartamento e scacciare l’incubo di Mark.

Vorrebbe sputargli in faccia o dargli un calcio nei coglioni ma si trattiene, mentre Dick l’accompagna fuori passando tra due file di curiosi che la squadrano, la spogliano.

0

0 thoughts on “Un viaggio, un incubo – ventisettesima puntata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Nuovo post su Caffè Letterario

Un nuovo post è stato pubblicato su Caffè Letterario. Buona lettura

La Piazzetta – nuovo post su Caffè Letterario

È stato appena pubblicato su Caffè Letterario un nuovo post. Una nuova cronaca da Venusia tratta da una bellissima immagine…

Back to school

© Fred Goldstein | Dreamstime.com Gelsomina si vergognava del suo nome e si faceva chiamare Jasmine con un pizzico di…

Nuovo post

Un giallo Puzzone Su Caffè Letterario c'è un nuovo post. Buona lettura