Sgorbi giovanili

Tanti anni fa, quando giovane virgulto pensavo, ahimè, di emulare i grandi poeti ho scritto delle poesie. Niente di speciale, semplici sgorbi giovanili.
Questa è dedicata a Doriana, amore altrettanto giovanile, non corrisposto da me. Di solito è vero il contrario, ma a me piaceva la sorella Maria Elena, che invece non mi considerava per nulla. Insomma avete capito un flop in tutte le direzioni.
Ve la propongo come l’ho scritta allora, anzi col senno del poi, perché di lei ho perso le tracce dopo l’effimera estate e molti anni più tardi.

Tu sei selvaggia e spinosa,
tu sei indomita e fiera:
non t’appassire ora,
perché bella è per la vita ora.
Fiore di serra incolto,
fiore di campo disadorno
rifiorisci alla dolce aria
della fresca e odoroso Primavera.

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Oltremare – racconto

Sempre dal libro mai pubblicato estraggo questo mini racconto. Le linee parallele si incrociano “Fu di sera, già di buio;…

Oltremare – Ultramarine’s – presentazione

Sempre dai fondi di magazzino ho estratto questo testo che era mia intenzione pubblicarlo ma poi ho deciso di non…

Rima baciata

Disegno di Veronica Scrivere creativo propone una stuzzicante sfida. Un esercizio di scrittura creativa Scrivi un testo di 41 parole.…

Due acrostici per ingannare l’attesa

Eccomi con altri due acrostici, pubblicati su twitter. Forse sono gli ultimi che userò per ingannare l'attesa di avviare il…