6 thoughts on “Temporale d'estate

  1. Fernanda Romagnoli

    E più spesso la notte, quando scorre
    senza difesa il rivolo dell’anima,
    ecco – si leva un vento
    fuori stagione, come questo in sonno
    sento baciare i muri della casa,
    fra bisbigli di nidi e di fogliami
    già trapassati: e invasa mi sorprende
    di fantasmi d
    ’amore, con ludibrio
    e gaudio insostenibile. Ché ormai
    già l’autunno s’appresta
    e la rondine già scruta la rotta
    .
    E pende fra uno sciame alto di stelle
    dall’abisso notturno la Bilancia:
    sopra il vivere mio lucida, esatta,
    non turbata da venti,
    in equilibrio
    fra il cielo già trascorso e quel che resta.

    0
  2. Il paradigma della quiete dopo la tempesta.
    Potrebbe essere la metafora di una lite alla fine ricomposta.
    e tu dormi
    serena dopo la bufera
    è una frase che commuove.

    0
  3. Raffaele Crovi
    Amore è una parola liquida,
    mobile, fluttuante:
    vi leggo dentro more,
    ancora, ancora, di più,
    lo slancio della gioventù.
    E ci trovo dentro inscritta,
    anche remora; c’è in più
    una erre, la sua rotondità;
    e remora vuol dire cautela,
    strategia, corteggiamento,
    il lampo, lo sbandamento
    della tua e mia felicità.

    0
  4. Josep Carner
    Gli alberi piangevano foglie
    nel momento in cui muore il giorno.
    Ornate i margini alla Mosa,
    tappeti scarlatti e dorati.

    Calò il sole verso la valle
    contemplandoci intensamente;
    si spargeva un silenzio
    vicino al bordo della notte;

    e per questo mondo fu presa
    d’amore la cupola d’aria,
    ed il tuo volto imporporando
    t’incoronava ora la fronte.

    0
  5. Einar Bragi

    Q
    uesta chiave
    l’ho avuta a lungo
    sull’incudine
    e ancora
    ne sto limando i bordi,
    mentre il mio canto
    cerca la sua forma,
    nella vaga speranza
    che possa
    ancora
    aprire
    qualche cara porta:
    forse la volta più rossa
    del tuo cuore?

    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

11 agosto 2010 – passata la mezzanotte

“Ciao!”. Una voce femminile calda arriva alle orecchie di Laura. “Ciao! Sono Laura e tu chi sei?”. “Sara. Abbiamo trovato…

Collina vicino alla città, 10 agosto 2010, mezzanotte

Laura e Luca sdraiati sul prato osservano il cielo nero come la pece perché la luna c’è ma non si…

Spiaggia, 10 agosto 2010, pomeriggio inoltrato – Terza conversazione

Sara legge un nuovo gruppo di sms e ha un groppo alla gola, perché avverte l’immensa tristezza e solitudine di…

Città, 10 agosto 2010, sera

Laura riflette su se stessa e sulla solitudine che prova da quando quel fatidico 2 maggio ha litigato con Alex,…