8 thoughts on “Capitolo 17

  1. Sono d'accordo con il commento di fruttacandita, e ti suggerisco di leggere il bellissimo "L'ombra del vento".Questo tuo capitolo è forse il migliore di tutti, almeno fino ad adesso. Vi ho trovato poesia, mistero, avventura. E poi è scritto veramente bene!Naturalmente, ti incito a proseguire :-)Un abbraccio grande*

    0
  2. Ale, a questo punto dovrò comprare il libro di Zafon "L'ombra del vento". Però non ho letto nulla di lei, nemmeno una recensione o una presentazione.Da questo punto in avanti ho inserito nel racconto parti di qualcosa scritto in precedenza, alcuni inediti, altri già postati.Tutti questi elogi mi frastornano un po' e ovviamente mi fanno molto piacere.Un abbraccio fortissimo

    0
  3. Ho capito che siamo vicini di casa……quasi… Casarsa della Delizia che passo andando a PN e a volte mi fermo in cantina comunale a bere un prosecchino…..  e mi è venuta la pelle d'oca…..

    0
  4. Nataascia, è un racconto di pura fantasia con ambientazioni tra Friuli e Veneto senza nessuna pretesa o riscontri oggettivi.La zona la conosco perché per lavoro ci passavo spesso, ma tutto si limita a questo.Grazie per il passaggio.Un abbraccio

    0
  5. Amanda ed Elisa, due entità distinte, ma forse anche la stessa persona. Mi piace il lato sinistro che sta prendendo la storia. Ti stai avventurando in un ambito particolare… sono curiosa di vedere come sbroglierai la matassa. Più che Zafon mi fai tornare in mente E.T.A. Hoffmann.P.S. Ma come?! Davvero non hai letto nulla di Zafon? Fallo per me: corri oggi stesso in biblioteca e prendi in prestito almeno un libro di questo scrittore. E trattami bene la bibliotecaria che ti aiuterà nella ricerca 😉

    0
  6. ElisinoB, seguirò il tuo consiglio e strapazzerò la bibliotecaria..Sono l'unico a non aver letto nulla di Zafon? Non so il perché, ma ho sempre preso in mano un libro di zafon e poi l'ho sempre rimesso al suo posto come se ci fosse qualcosa che non mi attirasse.E.T.A. Hoffmann (meno male che ho controllato il nome… avrei rischiato una pessima figura) non sapevo nemmeno che esistesse. O forse no, perché a scavare nei meandri dei ricordi del liceo, devo aver letto qualcosa in tedesco (I masnadieri?), ma non ne sono certo. Dovrò colmare la lacuna. Cosa consiglia la bibliotecaria?Sempre affascinanti i tuoi commenti.Un abbraccio

    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

11 agosto 2010 – passata la mezzanotte

“Ciao!”. Una voce femminile calda arriva alle orecchie di Laura. “Ciao! Sono Laura e tu chi sei?”. “Sara. Abbiamo trovato…

Collina vicino alla città, 10 agosto 2010, mezzanotte

Laura e Luca sdraiati sul prato osservano il cielo nero come la pece perché la luna c’è ma non si…

Spiaggia, 10 agosto 2010, pomeriggio inoltrato – Terza conversazione

Sara legge un nuovo gruppo di sms e ha un groppo alla gola, perché avverte l’immensa tristezza e solitudine di…

Città, 10 agosto 2010, sera

Laura riflette su se stessa e sulla solitudine che prova da quando quel fatidico 2 maggio ha litigato con Alex,…