Uno stralcio di qualcosa che non c’è

In questi giorni oltre a leggere e commentare un testo di Sara Tricoli che richiede molta attenzione nella lettura, sto procedendo alla lettura di un testo di Stato Mentale, con un titolo provvisorio non ancora definito che io ho battezzato Aglaja.

Entrambi mi stanno prendendo e dedico loro ogni secondo libero. Oggi vi propongo questo stralcio, tra qualche giorno qualcosa dell’altro.

Di Aglaja ne conoscevo una versione a puntate che seguivo sul blog di Stato Mentale. Ovviamente questo sotto forma di  libro è la bella copia di quello su wordpress.

Mi sono imbattuto in questo pezzo che vi sottopongo. Immagino che qualcuno, o forse molti, storceranno il naso ritenendolo blasfemo. Io invece la considero una bella riflessione che si può condividere oppure no al di là delle proprie convinzioni personali.

Ve lo sottopongo senza altre mie considerazioni.

Era parecchio che era in lite con i “piani alti” e il suo astio nei confronti del
 “Principale”, così lei chiamava col suo elaborato e ironico linguaggio quello 
strano Dio che le avevano presentato nell’infanzia, era progressivamente cresciuto
 fino a raggiungere la più totale e radicale avversione verso ogni forma 
religiosa istituzionalizzata e definita, verso ogni Divinità. Impossibile 
credere a una qualsiasi Entità superiore a cui, questo era il pensiero di Aglaja,
 conveniva non esistere piuttosto che essere un cinico sadico con la “sindrome 
del castello di sabbia” che si dilettava a schiacciare le formichine che aveva 
creato appositamente a questo scopo, ma soltanto dopo averne abbattuto i sogni, 
i desideri e le aspirazioni che vi aveva instillato. Con tanti affettuosi saluti 
a bontà e misericordia. Aglaja non poteva concepire una mentalità per la quale 
Dio, in quanto buono, inviava disgrazie ed accidenti di vario genere ai suoi 
fedeli, per quanto ligi e sinceri, al fine di metterli alla prova, di purificarli 
per offrire così loro la vita eterna.
Tutto questo per Aglaja non aveva alcun senso logico. Mettere alla prova chi 
già seguiva le regole del gioco, chi già era di fatto “degno” del premio 
rasentava la totale illogicità, era assurdo. Se le disgrazie fossero capitate 
solo agli “infedeli”, ai peccatori, sarebbe stato un conto, ma così! Che colpe 
avevano, che prove dovevano superare quei milioni di bambini innocenti che 
nascevano deformi, che si ammalavano inguaribilmente, che erano maltrattati, 
distrutti e oppressi da adulti mostruosi? Quale motivo abissale poteva dare 
ragione dei milioni di individui che morivano atrocemente in guerre da loro 
solo subite e non volute, e delle quali non conoscevano l’eventuale ed 
improbabile senso? Da che terribili delitti dovevano essere purificati i nativi 
americani, gli africani ridotti in schiavitù, perché i loro bambini fossero 
uccisi, le loro donne violentate, i loro uomini sfruttati fino alla morte? 
Di quale misterioso peccato si era macchiato il popolo eletto, gli ebrei, per 
subire l’orrore della Shoah? Queste erano le “ombre in un bel quadro”? 
L’abissalità del male per Aglaja era talmente devastante che per lei appariva 
come una tela nera con solo qualche graffio di luce. Non era per lei concepibile 
alcuna teodicea. Male e dolore restavano essenzialmente irredimibili. Com’era 
possibile che dinanzi a un simile panorama Dio venisse anche definito “giusto e 
amorevole” nei confronti dei suoi “figli”? Agli occhi di Aglaja tutto questo 
appariva come un’enorme balla che veniva propinata da millenni all’umanità per 
tenerla a bada, per placarne gli istinti, per tenere le masse sotto alla ciabatta.

 

0

13 thoughts on “Uno stralcio di qualcosa che non c’è

  1. Sto aspettando un libro per posta perché ho fatto lo scambio libro se ti do indizi sono sicura che indovini ho mandato a Mantova un libro con una persona che la storia ha molto distorto e mi inverranno un libro di una donna francese vissuta in terre sott’acqua colonie francesi.
    Mi piace il tuo certosismo da blogger mi ricordi sean connery nel nome della rosa chissà perché, l’orso con il saio

    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Green pass ovvero trappola per topi

Un caso per tre È un post atipico, inusuale rispetto a quello che scrivo di norma. Chi si annoia a…

Ringrazio chi ha scaricato Puzzone

L'ultima avventura di Puzzone Ringrazio 31 persone che hanno scaricato l'ultima avventura di Puzzone. Il numero ha quasi del miracoloso…

Un anticipo di qualcosa che non c’è

Come avevo scritto nel post di qualche giorno fa, vi propongo unn piccolo stralcia di un romanza che non esiste…

Ma che fatica!

In questi giorni di calura mi accingo a compiere un'operazione molto delicata al limite del suicidio. Vorrei tradurre in inglese…