De profundis per un abete

Stamattina il mio bellissimo abete del Caucaso è stato abbattuto e adesso mi manca.

Il giardino sembra più spoglio e quando mi affaccio al balcone vedo un buco e sento una fitta al cuore.

L’ho dovuto fare, ob torto collo, per evitare contenziosi coi i vicini rompiballe in caso di caduta. Gli ultimi fortunali mi hanno tenuto col fiato sospeso, anche se lui ha retto bene alla furia del vento e della pioggia.

Quando quello del comune ha fatto il sopralluogo per la concessione della richiesta di abbattimento, ha detto che era ben radicato e sano ma in effetti era in una posizione pericolosa.

In questi sedici anni che abito qui è cresciuto anno dopo anno, dritto e ben impalcato e sarebbe cresciuto ancora ma…

Pazienza.

Adesso vedrò come sostituirlo con qualcosa di meno ingombrante per chiudere il buco visivo.

1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RELATED POST

Una bella accoppiata – Nuova avventura di Phil Vanz e Debbi Nardi

Elena Andreotti non delude mai. Nuova avventura con i due protagonisti dei precedenti libri, che si snoda tra chiacchiere e…

L’amore forse esiste 1,2,3

Oggi parliamo di una trilogia, che in realtà non è, di Sara Tricoli L’amore forse esiste 1,2 e 3. Però…

Selfpublishing – gli strumenti: le piattaforme e altro

Eccomi con la seconda parte degli strumenti per un indie author. Nessuna pretesa ma solo chiarimenti e brevi cenni sulle…

Selfpublishing – gli strumenti: produzione della storia

Pensavo, ma a questo punto ho pensato male :D , di fare un unico post per parlare degli arnesi di…